migrazione da exchange a domino 

 Devi migrare ad Exchange per continuare ad usare il tuo client di posta Outlook ?


Con Domino non è necessario , risparmi costi di installazione e migrazione ed hai molti altri vantaggi .

Microsoft Exchange e Domino si basano entrambi su un'architettura client/server e sono piattaforme utilizzate per la gestione della posta elettronica.

A differenza del server Exchange e del client Outlook che supportano solo i sistemi operativi Windows, il server Domino e il client Notes funzionano sui più diffusi sistemi operativi.

Spesso però ci si sofferma ad analizzare solamente le similitudini ignorando invece quelle funzionalità e le molte diversità che fanno di Exchange e Domino due prodotti molto differenti.

Mettiamo a confronto i due ambienti :

  • Sviluppo di applicazioni
  • Sicurezza
  • Supporto per gli utenti remoti (o mobili)
  • Amministrazione
  • Notes : il client integrato e multifunzione.
  • Integrazione con i prodotti Microsoft


Sviluppo di applicazioni

IBM Notes Domino è stato espressamente studiato per lo sviluppo di applicazioni per la collaborazione tra utenti (workflow e groupware) è si è evoluto includendo posta elettronica, calendar & scheduling, integrazione con i dati dei sistemi di back-end quali ad esempio database relazionali, server Web e nuovi tools di instant messaging e team collaboration quali Sametime e Quickr.

Exchange invece è focalizzato sulla posta elettronica ed è possibile creare solo semplici soluzioni basate su un limitato numero di design elements.

Da notare che le applicazioni progettate per Domino sono accessibili sia da client Notes che da un qualsiasi web browser, mentre quelle scritte per il client Outlook devono essere completamente ricodificate per supportare i browsers e richiedono l'utilizzo di diverse tecnologie (IIS, Active Server Pages e Visual InterDev).

Per quanto riguarda lo sviluppo, l'ambiente Notes può essere programmato con LotusScript (BASIC-compatible), Java, JavaScript, Notes Formula language, C/C++, OLE Automation (attraverso VB, Delphi), Xpages.

Inoltre, attraverso il task "Agent Manager" di IBm Domino, è possibile abilitare script (agenti) che vengono eseguiti in background (ad orari programmati) o al verificarsi di un determinato evento (arrivo di un nuovo messaggio di posta, creazione di un documento).


Sicurezza

Domino dispone di un meccanismo di protezione integrato: autenticazione (attraverso certificati gerarchici), possibilità di crittografare (non solo i messaggi di posta ma anche le informazioni contenute nei documenti), firma digitale, regole di controllo accessi su documenti, sezioni e campi.

Exchange ha un sistema di sicurezza inferiore a quello di Domino: crittografia e firma digitale agiscono solo sui messaggi di posta, il controllo degli accessi è limitato ai folder.


Supporto per gli utenti remoti  e mobili

Domino e Notes implementano un sofisticato meccanismo di replica che permette agli utenti remoti di poter continuare a lavorare anche quando non sono connessi alla rete.

La replica delle informazioni è selettiva: ogni utente sincronizza solo i dati sui quali è abilitato a lavorare e solo quelli nuovi o modificati dall'ultima replica.

E' proprio questa caratteristica che manca ad Exchange: la informazioni vengono replicate anche quando non sono necessarie per il lavoro dell'utente.

Con la replica di Domino, inoltre, vengono sincronizzati non solo i documenti ma anche le eventuali modifiche apportate agli applicativi (in modo del tutto trasparente all'utente finale).


Amministrazione

L'ambiente Domino permette di amministrare tutti i server di uno stesso dominio da un'unica postazione sia con un client Notes che con un web browser.Sono presenti funzionalità di monitoraggio di eventi, impostazione di allarmi e statistiche di riepilogo, gestione della sicurezza, accessi al server Web.

L'amministrazione è facilitata da un task attivo sul server chiamato "processo di amministrazione" (adminp) che automatizza determinate operazioni quali ad esempio rinominare o spostare un utente nella gerarchia.

Microsoft Exchange offre soltanto funzionalità di amministrazione legate a Windows Server.


Notes : il client integrato e multifunzione.

Il client Notes è un client multiprotocollo; supporta in modo nativo HTTP, POP, IMAP, LDAP e NNTP.

Attraverso un unico ambiente col client Notes è possibile navigare in Internet, accedere alle funzionalità di posta, leggere i newsgroup, utilizzare le applicazioni Domino (anche personalizzate) sia dall'ufficio che da remoto.

Ibm Notes dispone di una gestione integrata di Calendar & Scheduling e con i più avanzati tool web 2.0 di instant messaging e team collaboration quali Sametime e Quickr.

Domino è completamente integrato con le tecnologie e i protocolli Internet. Con il solo client è possibile gestire la posta (interna/esterna), navigare in Internet (con il cache delle pagine visitate) e partecipare ai newsgroup, oltre ad accedere alle applicazioni sviluppate per Notes: tutto da un unico ambiente.

Solitamente nelle aziende vengono utilizzati strumenti di produttività individuale quali Office o Smartsuite. I documenti creati con questi prodotti vengono salvati sul disco fisso in modo più o meno organizzato, ma in qualsiasi caso chiunque abbia accesso a quel disco può modificare o addirittura cancellare i documenti.

Con Ibm Notes Domino è possibile creare un'applicazione di archiviazione attraverso la quale gli utenti, pur seguitando ad utilizzare il loro word processor o il foglio elettronico preferito, salvano i documenti in un database di Domino. In questo modo è possibile:

  • riordinare i documenti in base a criteri diversi (per categoria, autore, data creazione…)
  • consentire a determinati utenti di modificare o semplicemente consultare il contenuto,       oppure inibire l'accesso a determinati tipi di documento ad alcune persone
  • effettuare ricerche full-text
  • inviare il documento tramite posta elettronica con un semplice click
  • monitorare l'inserimento di documenti il cui autore sia il sig. X o che contengano la tal parola
  •  avere l'elenco di tutte le persone che hanno contribuito alla stesura del documento
  • replicare i dati in modo tale da poterli consultare, modificare o crearne di nuovi anche quando si è fuori sede (sempre utilizzando gli strumenti preferiti)


Con le nuove release nel client Ibm Notes sono stati integrati un word processor, un foglio elettronico e un foglio di presentazione compatibili con i prodotti Microsoft office per cui non è più necessario acquisire licenze per i lavori d'ufficio.


La nuova suite IBm Sinphony, scaricabile gratuitamente da Internet, può essere utilizzata come toool di produttività individuale anche all'esterno del client Notes.


Integrazione con i prodotti Microsoft

Alcuni utenti ritengono che Exchange si integri meglio con Windows Server di quanto possa fare Domino: ma non è così. Domino può essere impostato come "servizio" di Windows Server ed è possibile creare con una sola operazione un utente per entrambi gli ambienti.

Pertanto l'utente Outlook lavora sotto Domino in modo assolutamente identico ad Exchange e può continuare ad usare Outlook come faceva prima pur non essendo necessario installare Exchange.

Per quanto riguarda i prodotti di Office automation quali Word e Excel, questi possono essere integrati facilmente in IBm Notes (anche attraverso le funzionalità OLE) sfruttando in tal modo tutte le caratteristiche di sicurezza di Domino. Tra l'altro è possibile indicizzare il contenuto di qualsiasi documento per poter effettuare delle ricerche full-text.

  

 

 

 



sviluppo software

INTWARE GROUP sviluppa applicativi di web collaboration  sulla piattaforma IBM Notes / Domino utilizzando i più avanzati strumenti web  quali IBM Messaging and Collaboration Products, IBM Sametime, IBM Quickr, IBM Notes Traveler , XPages


Outsourcing 


  • Far svolgere lavori specialistici ad esperti del settore
  • Ridurre  sensibilmente i costi delle infrastrutture e del personale interno
  • Raggiungere in breve tempo obiettivi  urgenti
  • Liberare il proprio personale IT da lavori ripetitivi  e dedicarlo al core business
  • Evitare le punte di lavoro sul personale interno
  • Svolgere lavori temporanei o scarsamente ricorrenti per i quali non è previsto personale a tempo pieno.
  • Attività che impegnano risorse che potrebbero essere  efficacemente utilizzate per compiti più strategici.  
  • Con personale e strutture al di fuori dell'azienda.
  • Con personale esterno ma con strutture interne all'azienda
  • Con gruppi di lavoro e di strutture sia interni che esterni all'azienda

  • Riduzione dei costi
  • Qualità
  • Uso di esperti non reperibili all'interno dell'azienda
  • Risorse flessibili in caso di picchi di lavoro 
  • Supporto specialistico e training del personale interno